Le Crete Senesi intorno a Vescona

Nel cuore delle Crete Senesi si trova un vasto territorio di grande fascino, conosciuto fin dal medioevo come “Deserto di accona”. Intorno a esso si apre un paesaggio del quale non si scorge la fine. Fatto di dolci colline dalle sfumature che cambiano colore ad ogni ora del giorno e ogni mese dell’anno, che vanno dal grigio dell’argilla al giallo del solfato, fino al bianco del gesso che crea appunto le biancane (Continua a leggere).

Crete Senesi, anello di Monteaperti

Itinerario che parte da Monteaperti e tocca alcuni dei luoghi dove fu combattuta la storica battaglia del 1260, in cui i Senesi sconfissero i rivali Fiorentini. Si sale fino al “Cippo di Monteaperti”, eretto a memoria della battaglia, e si costeggia il torrente Malena, affluente dell’Arbia che, come ricorda Dante nella Divina Commedia, dalla battaglia fu colorata in rosso (Continua a leggere).

Crete Senesi, anello dei vecchi poderi

Le Crete Senesi un tempo erano il granaio di Siena, e su ogni colle c’era un podere. Grande o piccolo, ci vivevano più gruppi familiari che coltivavano la terra e allevavano animali da cortile. Questo itinerario, lungo ma non difficile, ne attraversa molti, abbandonati e non. Sempre su crinali, offre scorci panoramici nuovi e diversi sul caratteristico paesaggio delle Crete (Continua a leggere).

Crete Senesi, da Torre a Castello a Asciano

E’ una delle strade più belle e panoramiche delle Crete Senesi, nei luoghi attraversati anche dal Treno Natura. E negli anni 80 era una delle tappe più spettacolari del Rally di Sanremo, dove i bolidi, a oltre 100 all’ora, davano spettacolo su questa stretta strada bianca con curve difficili e salti mozzafiato. Oggi è percorsa solo dai turisti, e dai pochi abitanti delle fattorie che si trovano lungo il tracciato (Continua a leggere).