Maremma: la Diaccia Botrona

Indietro

 

Il primo itinerario è tratto dalla guida “Camminare nella Maremma Toscana” edita dallo Studio Colordesoli, che vi consiglio vivamente di acquistare per conoscere tanti nuovi percorsi in Maremma. Dal sito della casa editrice è possibile scaricare anche le tracce Gps di tutti i percorsi, perfette, con la descrizione dettagliata. E' lungo circa 20 km ma facile, il dislivello è praticamente zero. Però ho fatto alcune varianti al percorso originale; per prima cosa è percorso all'inverso per non avere il vento contro nella spiaggia, poi, invece che passare dalla pista ciclabile siamo passati sulla spiaggia, deserta e bellissima in inverno, subito dopo la mareggiata. La pista ciclabile consiglio di usarla in estate, per l'ombra dei pini. Un altro motivo è che camminando sugli argini nel tardo pomeriggio si incontrano numerosi uccelli.
L'itinerario n°2 è quello proposto nei cartelli della Riserva vicino alla Casa Rossa: percorrendo il perimetro della palude passa dall'Isola Clodia, l'unica isola che emergeva dall'acqua. E' lungo circa 14 km con, anche questo, dislivello zero.
La Riserva Naturale Provinciale della Diaccia Botrona è classificata come zona umida di importanza internazionale perchè punto di sosta e svernamento di numerose specie di uccelli. Ricca anche di fauna terrestre e con la flora particolare delle zone umide si presenta come un ambiente molto particolare, con piccoli sentieri che passano sugli argini circondati dai canneti. Noi lo abbiamo percorso dopo due giorni di forti piogge e il livello dell'acqua era quasi pari al sentiero. Il punto informativo e di partenza è la Casa Rossa, o Casa Ximenes dal nome dell'ingegnere che la progettò. Il suo compito era di regolare il flusso e deflusso delle acque con le cateratte comandate dai macchinari al suo interno. Qui si può visitare il piccolo museo all'interno ed è anche possibile fare escursioni in barca nei canali.
Itinerario n°1 (inverso alla guida): si sale la scaletta in ferro a lato della Casa Rossa (bello il panorama dal terrazzo) e si inizia a percorre il percorso n°31, ben segnalato, sugli argini. E' un primo anello dal quale si esce attraversando il ponticello in prossimità della pineta e dirigendosi verso quest'ultima sempre seguendo i segni bianco/rossi. Si attraversa la bellissima pineta granducale fino ad arrivare alla strada asfaltata, si attraversa e si va sulla spiaggia. La percorriamo per circa 7 km fino ad arrivare al canale San Leopoldo che un tempo serviva per la bonifica della palude. Giriamo a sinistra e proseguiamo sempre a lato del canale fino alla strada asfaltata che attraversiamo con un comodo sottopasso. Proseguiamo ancora a lato del canale per circa 1 km fino a quando la strada devia a sinistra sull'argine. Da qui in poi sempre dritti fino a ritornare all'ultimo ponticello e poi alla Casa Rossa.
Itinerario n°2: sempre dalla Casa Rossa si seguono le indicazioni sentiero n°31, direzione Castiglioni fino al ponticello sul canale che ci riporta indietro sull'altro lato. Si costeggia il canale fino al grande allevamento di pesci, dove si attraversa sull'altro lato e si prosegue avanti fino a un cancello. Qui si devia a sinistra verso l'isola Clodia, che vediamo in lontananza. In epoca romana vi sorgeva una splendida villa fatta costruire da Clodio, nel I secolo a.C., perché all’epoca era un ambito posto di villeggiatura, a dispetto della palude che sarebbe diventata in futuro. Attualmente vi si trovano i resti di quest’antica villa, che nel corso del tempo è stata inglobata in una Abbazia Benedettina (S.Pancrazio al Fango), di cui restano ben visibili i ruderi della chiesa romanica e della cisterna. Si prosegue verso il fiume Bruna e prima del ponte si sale sull'argine sinistro. Il sentiero sull'argine ci riporta alla Casa Rossa.
Informazioni utili: il sito dei gestori del Centro Visite, e per info generali sul territorio il sito del Comune di Castiglione della Pescaia.
Come arrivare: dall'Aurelia si esce a Follonica est direzione Castiglione della Pescaia. Qui arrivati, andiamo al ponte che attraversa la Bruna e prendiamo la strada proprio accanto alla spalletta che, dirigendosi verso l'interno, porta al parcheggio della Casa Rossa, dove si lascia l'auto.

In basso è possibile scaricare le tracce Gps dei due percorsi e su Google Maps è possibile vederli su mappa satellitare.

Castiglione della Pescaia visto dalla Diaccia Botrona
La Casa Rossa
Uno dei tanti canali
Il vecchio capanno dei pescatori
Senza fine
La palude
La bella pineta granducale
La spiaggia verso l'Uccellina e l'Argentario
Verso Castiglione della Pescaia
La bella duna costiera
Canale San Leopoldo
Opere idrauliche per il controllo delle acque
Argini tra i canali
Acqua ovunque
Il lungo sentiero di ritorno
La Casa Rossa al tramonto
Teste di leone
Le chiuse per il controllo delle acque
Canali fossi e laghetti
Panorama dal terrazzo della Casa Rossa
Fenicottero
Airone Cinerino
L'Isola Clodia in lontananza
Anatre
Fenicotteri
Fenicotteri
Fenicotteri
Garzette