Il Monte Amiata con le ciaspole

Indietro

 

Attenzione: questi itinerari possono essere percorsi solo con le ciaspole essendo tutti fuori sentiero. Farli senza neve vuol dire finirsi le gambe.

Il Monte Amiata è un antico vulcano spento da 700.000 anni che si erge solitario nel sud della Toscana, tra la Maremma, la Val d'Orcia e la Val di Chiana. Meta estiva di tutti coloro che cercano il fresco delle sue splendide faggete e meta invernale di sciatori, quando il vento di scirocco non scioglie velocemente la neve... E per chi vuole ciaspolare è un paradiso, perchè al di fuori delle piste da sci non si incontra quasi nessuno, e ci si può muovere liberamente senza pericolo di perdersi: basta orientarsi con la vetta. Questi due itinerari sono semplici, circa 3 ore con 360 metri di dislivello in salita e discesa, adatti a coloro che vogliono conoscere questa montagna con la neve: il primo parte da Prato delle Macinaie, si va sempre in salita tenendosi sulla sinistra a distanza dalla pista che scende dalla vetta, quel tanto che basta per non sentire gli schiamazzi degli sciatori. Si sale tra i faggi e tra le enormi pietre arrotondate ricoperte di neve e a parte le tracce di qualche animale non si incontra nessuno. Si arriva fino alla grande croce in vetta, da dove nei giorni limpidi lo sguardo spazia fino al Gran Sasso a sud e fino al mare a ovest. Per scendere ci mettiamo ancora sul lato sinistro di una pista, quella che porta al Prato della Contessa, e scendiamo fino ad arrivarci. Qui arrivati deviamo a destra tenendosi a monte della strada asfaltata che riporta alle Macinaie, dove completiamo il nostro anello.
Il secondo parte dal Rifugio Cantore: si segue la pista di fondo tenendosi sulla sinistra in alto, camminando nella zona dei grandi massi che sembrano tante palle di neve ammassate. Arrivati alla pista delle Macinaie si devia a sinistra e si sale verso la vetta fino ad arrivare al Rifugio Pianello. Qui si può fare una deviazione sulla destra per andare alla Croce di Vetta, 30 min andata e ritorno. Altrimenti si inizia a scendere verso il Cantore stando sul lato sinistro della pista da sci omonima. Fate attenzione perchè in alcuni tratti il percorso è ripido.
I due itinerari possono essere uniti in un unico percorso.
Informazioni utili: www.monteamiata.it con tutte le informazioni possibili, www.amiataneve.it con le info e le webcam per vedere in diretta la situazione neve. Per l'eventuale noleggio delle ciaspole Lo Scoiattolo Sport al 2° rifugio, 0577789741.
Cartografia: Multigraphic 40/41 “Monte Amiata Val d'Orcia” 1:25000, “Amiata senza fretta a piedi” di Stefano Ardito, guida completa di carta escursionistica 1:50000.
Come arrivare: percorrendo la vecchia Cassia che collega Roma a Firenze si esce per Abbadia San Salvatore/Vetta Monte Amiata. Chi viene da Grosseto deve prendere la superstrada per Siena uscendo alle indicazioni Monte Amiata.
Su Google Maps è possibile vedere tutti e due i percorsi su mappa satellitare e sotto si può scaricare le mappe cartacee OSM e le tracce GPS per il navigatore.

Si ciaspola tra i faggi
La croce di vetta in versione invernale
Panorama verso il Gran Sasso
Bianco e nero
Giochi di ombre
Faggi ombre e tracce
Strisce sulla neve
Nel silenzio
Verso la Val d'Orcia
I grandi massi coperti di neve
Sotto i grandi massi
Tre gemelli...
Giochi di ombre